La migliore libreria online gratuita

Tutto è cambiato con la prima guerra mondiale. Società ed economia dal 1915 al 1922

FORMAT: PDF EPUB MOBI
DATA DI RILASCIO: 31/07/2015
DIMENSIONI PER FILE: 7,80
ISBN: 9788874754489
LINGUAGGIO: italiano
AUTORE: Gaetano Rasi
PREZZO: GRATIS

Gaetano Rasi libri Tutto è cambiato con la prima guerra mondiale. Società ed economia dal 1915 al 1922 epub sono disponibili per te dopo la registrazione sul nostro sito web

Descrizione:

Questo libro affronta il tema dei mutamenti strutturali, sociologici ed economici, prodotti nel nostro Paese dalla guerra 1915-1918 e le immediate conseguenze negli anni che vanno dal 1919 al 1922. Lo sforzo organizzativo fatto dall'intero popolo italiano, accanto ai grandi sacrifici derivanti dalle imprese belliche, ha inciso profondamente sugli eventi storici successivi. La stessa concezione dei compiti di uno Stato in epoca moderna è derivata da avvenimenti che sembravano solo di emergenza. L'intera consistenza sociale della nazione italiana, la sua politica economica e la concezione della vita dei singoli cittadini ne hanno risentito tanto che, al di là della cronologia tradizionale, si fa iniziare il Novecento con il 1915 così da essere stato chiamato "il secolo breve". Lo stesso Secondo conflitto mondiale, nonché quanto è ad esso succeduto, deriva in gran parte dagli assetti giuridico-istituzionali, politico-territoriali e dalle incidenze ideologiche maturate allora. Questo libro documenta, insieme con i cambiamenti prodotti dallo sforzo bellico, anche le conseguenze prodotte nell'immediato dopoguerra, prodromi degli avvenimenti successivi.

...e ordinarie di uno Stato, alle necessità straordinarie della guerra ... Gaetano Rasi - Wikipedia ... . Tecnicamente, nell'economia di guerra, lo Stato sottopone a una regolamentazione molto estesa l'economia di mercato, senza però sospenderla del tutto, e senza sospendere ... Un secolo fa la Prima guerra mondiale: l'evento che ha cambiato totalmente il mondo. Dario Lodi. I. Per l'Italia, la Prima guerra mondiale fu la vera unificazione del Paese. Massimo D'Azeglio aveva detto: "Fatta l'Italia, ora bisogna fare g ... Rai Scuola - La Prima Guerra Mondiale ... . Massimo D'Azeglio aveva detto: "Fatta l'Italia, ora bisogna fare gli Italiani". Nel giugno del 1919, dopo la fine della prima guerra mondiale persa dalla Germania, dall'Austria e dai loro alleati, il trattato di pace ("Trattato di Versailles") definisce la Germania "responsabile, per essere stata la causa, di tutte le perdite e di tutti i danni subiti dai governi alleati e associati e dai loro nazionali in conseguenza della guerra loro imposta dalla aggressione della ... Prima di tutto il diffondersi delle radio a transistor, piccole, leggere ed economiche, che mutarono completamente il modo di utilizzare questo mezzo. Ai suoi esordi - dagli anni Trenta fino alla Seconda guerra mondiale - la radio veniva ascoltata in casa, spesso di sera, da tutta la famiglia riunita. La Seconda guerra mondiale, con le sue colossali distruzioni e la sua dimensione davvero globale, rappresenta uno spartiacque storico ancor più grande di quanto non fosse stata la Prima. I ... Lo scoppio della prima guerra mondiale è un tema ancora fortemente attuale, in un'Europa in cui alleanze strategiche, isolamenti ed emergenze riesce a garantire la pace e gli equilibri, ma fino a un certo punto: si pensi soltanto alla crisi ucraina e al rapporto dell'Occidente con la Russia.Alla luce di questo, il candidato, dopo aver illustrato le cause e le conseguenze della prima guerra ......